CIA Manzoni

Alternanza Scuola Lavoro

 
Print Friendly, PDF & Email

Alternanza Scuola Lavoro

 

Con la Legge 13 luglio 2015, n. 107 di Riforma del Sistema Nazionale di Istruzione e Formazione viene rafforzata l’Alternanza Scuola Lavoro, strumento che offre a tutti gli studenti della scuola secondaria di secondo grado l’opportunità di apprendimenti flessibili mediante esperienze didattiche in ambienti lavorativi con l’obiettivo di facilitare, agli iscritti all’ultimo anno, una scelta consapevole del percorso di studio successivo e favorire la conoscenza delle opportunità e degli sbocchi occupazionali.

Per quanto riguarda l’Istruzione degli Adulti, la Guida Operativa all’Alternanza Scuola Lavoro dell’8 ottobre 2015 pubblicata dal MIUR sottolinea che “nei suddetti percorsi di istruzione per gli adulti l’alternanza scuola lavoro, in quanto metodologia didattica, rappresenti un’opportunità per gli studenti iscritti, rimessa all’autonomia delle istituzioni scolastiche”.

Per i Progetti di Alternanza Scuola Lavoro, il CIA offre un servizio di accompagnamento, fermo restando che il riferimento ultimo è la Scuola sede d’esame.

La  Scuola predispone annualmente un Progetto Quadro di Istituto e vari Progetti Formativi di Indirizzo che definiscono criteri, obiettivi e svolgimento dei percorsi.

Occorre ricordare che:

  • per gli Istituti Tecnici e Professionali la Legge prevede nel triennio 400 ore di Alternanza
  • l’inserimento in azienda non comporta alcun onere per la stessa
  • le coperture assicurative INAIL e R.C. sono a carico del soggetto promotore (la scuola)
  • lo studente non ha diritto ad alcun compenso
  • i momenti di Alternanza potranno essere svolti sia durante l’attività scolastica sia nei periodi di sospensione entro il 15 luglio
  • il periodo può essere anche non continuativo
  • la modulistica è preparata dalla Scuola
  • l’attività prevede la partecipazione ad un corso obbligatorio di formazione sulla sicurezza e salute nei luoghi di lavoro
  • i genitori degli studenti minorenni devono firmare il Patto Formativo relativo al Progetto
  • i dati relativi al percorso degli studi, alle competenze acquisite, alle eventuali scelte degli insegnamenti opzionali, alle esperienze formative anche in Alternanza scuola-lavoro e alle attività culturali, sportive e di volontariato, svolte in ambito extrascolastico andranno a costituire il curriculum dello studente (Legge 107/2015 art.1 comma 28).